2016 | Bar – Caffetteria

img-20160323-wa0000_0

Autogrill – Stazione di Venezia Mestre

Al fine di assicurarare rapiditià di esecuzione e il rispetto dei tempi richiesti dalla committenza, l’azienda si è resa disponibile a orari estremamente flessibili, anche notturni. L’esperienza trentennale ha permesso di risolvere positivamente ogni problematicità sorta durante lo svolgimento del cantiere che ha in particolare riguardato la realizzazione di massetti, delle rifiniture e delle controsoffittature.

img-20160323-wa0000_0 20160313_095529 20160226_223628 20160222_223417

2016 | Ampliamento villa

20170130_093905

Roncade (TV)

Il lavoro è caratterizzato dalla realizzazione di un interrato profondo (oltre 1000 m3) in adiacenza all’edificio oggetto di ampliamento, contesto paricolarmente delicato per la prossimità di due corsi d’acqua. L’azienda è stata chiamata a realizzare una struttura mista in calcestruzzo, acciaio e x-lam, riuscendo a conciliare diverse tecniche costruttive.

20160929_105222 20161007_134013 20170130_093905

2016 | Ampliamento e ristrutturazione

Schermata 2017-07-24 alle 15.27.52

Park Hotel “Villa Fiorita” – Monastier di Treviso 

La realizzazione del nuovo ingresso è stata seguita sin dalla fase progettuale come general contractor.  L’azienda ha svolto un ruolo di trait d’union tra tutti i progettisti e gli operatori coinvolti, permettendo, grazie alle scelte strutturali proposte, un rinnovamento di hall, bar, cucina, ristorante e piscina senza pregiudicare l’operatività dell’albergo. L’alta qualità dei materiali impiegati (rivestimenti in travertino, raffinate tappezzerie e boiseries di rovere) e le finiture di pregio hanno pienamente risposto alle esigenze e alle aspettative della committenza.

20150910_151035 Schermata 2017-07-24 alle 15.27.52 Schermata 2017-07-24 alle 15.28.3320160201_155529ben 20160310_140456 

2016 | Adeguamento sismico

20160806_112535 ben

Policlinico San Marco, Mestre (VE) 

Il lavoro strutturale si è concentrato sul nucleo in laterizio dell’ascesore che è stato rinforzato tramite fibre di carbonio. Il vano scale è stato completamente ricostruito in calcestruzzo ed è stato operato il rinforzo sismico dell’intero blocco per mezzo di una struttura di controventamento in acciaio. I lavori non hanno interrotto l’operatività dei reparti.

20160806_112535 ben 20160520_112704 ben

2016 | Nuove sale operatorie

Casa di Cura Giovanni XIII, Monastier di Treviso

Casa di Cura “Giovanni XXIII” – Monastier di Treviso 

Il lavoro di ristrutturazione e ampliamento si è concentrato sul blocco operatorio, con la realizzazione di strutture in calcestruzzo, partizioni in gesso rivestito, impermeabilizzazioni e coibentazioni secondo i più moderni criteri del risparmio energetico. L’azienda si è contraddistinta  per la particolare rapidità di esecuzione, consegnando, in 54 giorni, l’opera finita.

A seguire, alcuni articoli inerenti la realizzazione:

Inaugurato oggi il nuovo gruppo operatorio alla Casa Di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso, formato da tre sale e dotato di flusso laminare, un innovativo sistema di sicurezza ISO 5 che garantisce la totale sterilità del campo operatorio per la maggior sicurezza del Paziente.
Le sale operatorie sono state realizzate con pareti modulari in acciaio verniciato che consentono rapida manutenzione e implementazione degli impianti e delle tecnologie. Sono dotate di sistema di video integrazione che consente di visualizzare, gestire e archiviare in sala operatoria le informazioni mediche multimediali (immagini radiologiche, foto e video degli interventi laparoscopici e artroscopici eseguiti e cartelle cliniche digitali) con comandi mimati. Questo permetterà al chirurgo di controllare personalmente le immagini TAC / risonanza e radiologia in genere, direttamente durante l’intervento, sia quelle in archivio sia quelle prese in tempo reale, senza dover toccare alcuna superficie e quindi mantenendo la completa sterilità.  

(da www.giovanni23.it, sito ufficiale della Casa di Cura di Monastier)

Tre sale operatorie nuove di zecca, di cui una costruita ex novo e due completamente ammodernate, per un investimento da cinque milioni di euro che ha previsto anche l’ampliamento dell’ area attorno alle sale, passata da 387 a 807 metri quadrati.
Il tutto realizzato in 54 giorni lavorativi, una corsa contro il tempo per consegnare alla casa di cura il nuovo gruppo operatorio dove ogni sala ha un suo colore e su quella blu una parete è coperta con una mega immagine scattata sott’acqua. Una delle stanze operatorie viene definita ibrida poiché verrà utilizzata anche per la diagnostica interventistica con angiografo. 
(da www.tribunatreviso.gelocal.it, sito del quotidiano La Tribuna di Treviso)

“Nonostante le crescenti difficoltà a far quadrare i conti – sottolinea con soddisfazione l’Assessore regionale alla sanità Luca Coletto – la sanità veneta continua a progredire, ed è particolarmente significativo che ciò accada anche nel privato-convenzionato della cui importanza la Regione è ben conscia e con il quale la collaborazione è costruttiva e improntata a dare sempre il meglio alla gente che ha bisogno di cure”. 
(da www.ulss.tv.it, sito dell’Azienda Sanitaria della Provincia di Treviso)

  • Sala Ibrida
  • Sala Gialla
  • Sala Blu
  • Sala Ibrida
  • Sala Gialla
  • Sala Ibrida
  • Fase di esecuzione

 

Le nuove sale operatorie: Casa di Cura Giovanni XXIII

Sala Ibrida

Le nuove sale operatorie che abbiamo collaborato a realizzare sono pronte ed operative ormai da qualche mese: la partecipazione a quest’opera ha rappresentato per noi certamente un grande sforzo in termini di risorse ed impegno, anche per la necessità dei committenti di arrivare ad ultimare i lavori in tempi davvero ristretti. Nella gallery seguente è possibile visionare e valutare i lavori finiti, aggiungiamo anche alcuni articoli estratti dai giornali locali e siti internet, per aiutare a capire meglio la portata del lavoro svolto.

  • Sala Ibrida
  • Sala Gialla
  • Sala Blu
  • Sala Ibrida
  • Sala Gialla
  • Sala Ibrida
  • Fase di esecuzione

Inaugurato oggi il nuovo gruppo operatorio alla Casa Di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso, formato da tre sale e dotato di flusso laminare, un innovativo sistema di sicurezza ISO 5 che garantisce la totale sterilità del campo operatorio per la maggior sicurezza del Paziente.

Le sale operatorie sono state realizzate con pareti modulari in acciaio verniciato che consentono rapida manutenzione e implementazione degli impianti e delle tecnologie. Sono dotate di sistema di video integrazioneche consente di visualizzare, gestire e archiviare in sala operatoria le informazioni mediche multimediali (immagini radiologiche, foto e video degli interventi laparoscopici e artroscopici eseguiti e cartelle cliniche digitali) con comandi mimati. Questo permetterà al chirurgo di controllare personalmente le immagini TAC / risonanza e radiologia in genere, direttamente durante l’intervento, sia quelle in archivio sia quelle prese in tempo reale , senza dover toccare alcuna superficie e quindi mantenendo la completa sterilità.  (da www.giovanni23.it, sito ufficiale della casa di cura di Monastier)

Tre sale operatorie nuove di zecca, di cui una costruita ex novo e due completamente ammodernate, per un investimento da cinque milioni di euro che ha previsto anche l’ampliamento dell’ area attorno alle sale, passata da 387 a 807 metri quadrati.

Il tutto realizzato in 54 giorni lavorativi, una corsa contro il tempo per consegnare alla casa di cura il nuovo gruppo operatorio dove ogni sala ha un suo colore e su quella blu una parete è coperta con una mega immagine scattata sott’acqua. Una delle stanze operatorie viene definita ibrida poiché verrà utilizzata anche per la diagnostica interventistica con angiografo. 

(da www.tribunatreviso.gelocal.it, sito del quotidiano locala La Tribuna di Treviso)

“Nonostante le crescenti difficoltà a far quadrare i conti – sottolinea con soddisfazione l’Assessore regionale alla sanità Luca Coletto – la sanità veneta continua a progredire, ed è particolarmente significativo che ciò accada anche nel privato-convenzionato della cui importanza la Regione è ben conscia e con il quale la collaborazione è costruttiva e improntata a dare sempre il meglio alla gente che ha bisogno di cure”. 

(da www.ulss.tv.it, sito dell’azienda sanitaria della provincia di Treviso)

Benvenuto

tecnocostruzioni

Benvenuto,

da pochi giorni, finalmente, siamo online insieme ai nostri partner di Tecnosoluzioni.

Abbiamo deciso di compiere questo passo per aprirci ulteriormente al mercato e soprattutto per dare una visibilità maggiore ai lavori che abbiamo svolto finora, perché la loro visione da parte vostra possa essere di maggiore garanzia, più di tante altre parole e discorsi, riguardo all’impegno e alla passione che mettiamo nei nostri lavori e alla loro qualità, dimostrata dai risultati.

Vi invitiamo pertanto a navigare il sito e ad approfittare dei canali di comunicazione che vi mette a disposizione, per comunicare con noi.

A vostra disposizione,

Lo Staff Tecnocostruzioni